header

AZIENDE

È valido per tutte le aziende o parti di aziende, indipendentemente dalla loro forma giuridica, operanti nei settori dell’assistenza, del sostegno e/o dell’animazione di:

  • ... bambini in età prescolastica in strutture di custodia collettiva diurna come nidi d’infanzia, case dei bambini, asili nido e centri diurni se dispongono di almeno dieci posti e sono aperte almeno 25 ore alla settimana e 45 settimane all’anno (cfr. l’Ordinanza sugli aiuti finanziari per la custodia di bambini complementare alla famiglia del 9 dicembre 2002 art. 2 cpv. 1 e 2)
     
  • ... bambini in età scolastica al di fuori dalle ore di insegnamento in strutture di custodia parascolastiche come asili nido, istituti per allievi, strutture giornaliere o tavolate per pranzo se dispongono di almeno dieci posti, sono aperte almeno quattro giorni alla settimana e 36 settimane scolastiche all’anno e custodiscono i bambini durante blocchi orari di almeno un‘ora alla mattina o/e di due ore o per tutta la pausa a mezzogiorno (pasto incluso) e/o di due ore il pomeriggio (cfr. l’Ordinanza sugli aiuti finanziari per la custodia di bambini complementare alla famiglia del 9 dicembre 2002 art. 5 cpv. 1,2 e 3).
     
  • ... bambini, giovani e giovani adulti con bisogni particolari nell’ambito di offerte (parzialmente) stazionarie in case di rieducazione e complessi abitativi come pure case per colonie o internati se, ai sensi del diritto federale o cantonale, ospitano Persone fino al 20° anno di età compiuto, al massimo però fino al termine della prima formazione, nella misura in cui queste ultime prima di raggiungere la maggiore età sono entrate o vi sono state sistemate. Nel caso di misure ai sensi della Legge federale sul diritto federale minorile il limite di età è a 22 anni compiuti, indipendentemente dall’età di entrata. (cfr. Convenzione intercantonale relativa alle istituzioni sociali del 13 dicembre 2002 (Stato al 1° gennaio 2008) art. 2 cpv. 1 A (esiste solamente in tedesco e francese)).

    Tali istituzioni devono inoltre essere riconosciute dall’Ufficio federale di giustizia quali istituti d’educazione aventi diritto ai contributi ai sensi dell’Ordinanza sulle prestazioni della Confederazione nel campo dell’esecuzione delle pene e delle misure (OPPM) del 21 novembre 2007 (in particolare art. 1 cpv. 2, 3 e 4 come pure art. 5).
     
  • ... persone con handicap sul lavoro, durante la formazione, il reinserimento e la riqualificazione professionale in laboratori, se questi ultimi sono (unità di) laboratori ai sensi della Legge federale sulle istituzioni che promuovono l’integrazione degli invalidi (LIPIn), che occupano in modo duraturo persone con handicap internamente o in posti di lavoro fuori sede, che a condizioni abituali non possono esercitare alcuna attività lucrativa. (cfr. Convenzione intercantonale relativa alle istituzioni sociali del 13 dicembre 2002 (stato al 1° gennaio 2008) art. 2 cpv. 1 B a (esiste solamente in tedesco e francese)).
     
  • ... persone con handicap in (unità di) complessi abitativi per persone invalide o altre forme abitative collettive come pure in (unità di) custodia collettiva diurna in cui persone invalide vivono la comunità e possono partecipare a programmi del tempo libero e occupazionali. (cfr. Convenzione intercantonale relativa alle istituzioni sociali del 13 dicembre 2002 (stato al 1° gennaio 2008) art. 2 cpv. 1 B b) e c) (esiste solamente in tedesco e francese)).
     
  • ... persone anziane nell'ambito di istituzioni (parzialmente) stazionarie quali istituti per anziani e di cura, residenze per anziani, strutture diurne e notturne, se forniscono prestazioni ai sensi dell'articolo 7 dell’Ordinanza del DFI sulle prestazioni dell’assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie. Rientrano in questa categoria gli esami, le terapie e le cure effettuati secondo la valutazione dei bisogni previa prescrizione o mandato medico (cfr. art. 7 al. 1) come valutazione, consigli e coordinamento (art. 7 cpv. 2 lett. a), esami e cure (art. 7 cpv. 2 let. b) e cure di base (art. 7 cpv. 2 let. c).
Cfr. a questo proposito l’articolo 5 del Regolamento del fondo.